I bimbi diabetici rischiano di vivere 20 anni in meno

Dai dieci ai vent’anni di aspettativa di vita in meno rispetto ai coetanei. È la condanna per i bambini diabetici non curati adeguatamente, poco seguiti, o impossibilitati ad accedere alle medicine necessarie. L’allarme viene lanciato dallo studio «Diabetes Youth Charter», promosso da Novo Nordisk e dalla Federazione Internazionale Diabete (Idf) e presentato nel corso del 43° Meeting annuale della Società Europea per lo studio del Diabete (Easd) ad Amsterdam. Cresce di anno in anno il numero di bambini che si ammalano di diabete nel mondo, un incremento annuo del 3 per cento definito dagli esperti «allarmante». Un fenomeno dovuto soprattutto alla cattiva alimentazione (e la conseguente obesità) e all’inattività. Ma è in crescita, e ancora non sono chiari tutti i motivi, anche il diabete di tipo 1, quello congenito, che colpisce ogni anno 70.000 bambini. Cifre rilevanti, che si accompagnano secondo lo studio a un problema in alcuni casi drammatico di accesso alle cure o di modalità di cura.