I Bleus ritrovano la Seleçao e C. Ronaldo sfida di nuovo Messi

I brasiliani vogliono vendicare la beffa di Berlino 2006, Portogallo-Argentina è invece una questione tra palloni d’oro

L’eterno Francia-Brasile, finale mondiale del 1998, e la prima sfida in Nazionale tra Cristiano Ronaldo e Lionel Messi. L’appetitoso mercoledì di amichevoli non è solo Germania-Italia: 45 sono le sfide in programma in tre continenti. Piatti forti, oltre alla rivincita di Dortmund, a Parigi e Ginevra. Allo Stade de France si ritrovano di fronte i Bleus e la Seleçao (ore 21, differita su La7 dalle 23) che come tedeschi e azzurri non si sfidavano dal Mondiale 2006 del trionfo di Lippi. Allora vinsero i galletti e per i verdeoro fu un colpo pesantissimo, visto che erano convinti di vincere il torneo.
Nemmeno cinque anni dopo, tutto è cambiato: nuovi sono i ct (Menezes e Blanc che hanno rivoluzionato le rose), appena due i reduci, il francese Malouda e il portiere brasiliano Julio Cesar, all’epoca solo la riserva di Dida. «Per me è come un esordio», così il numero uno dell’Inter, alla prima convocazione con Menezes, che mancava dalla sfortunata sfida in Sudafrica con l’Olanda. In Nazionale troverà i tre milanisti Robinho, Pato e Thiago Silva e il laziale Hernanes, ma anche Kakà, in ripresa nel Real Madrid (è tornato a segnare) dopo un periodo di appannamento.
Allo Stade de Geneve (diretta dalle 21 su Mediaset Premium Calcio, esauriti i 32mila biglietti, i bagarini vendono i posti migliori a 370 euro!) va in scena la nuova puntata del Duello tra CR7 e la Pulce, ovvero Cristiano Ronaldo del Real Madrid e Messi del Barcellona (a proposito, il tecnico Guardiola ha rinnovato fino al 2012). I due, che si contendono anche il titolo di Pichichi (capocannoniere) della Liga, colmano l’ultima lacuna della loro sfida infinita: non si erano mai incontrati con le maglie delle proprie nazionali, Portogallo e Argentina.
«A Cristiano Ronaldo non dico nulla - ha detto Messi secondo quanto riporta l’edizione online del quotidiano sportivo argentino Olè - ma credo che quella di Ginevra sarà una bella partita, in cui cercheremo di far divertire la gente. A noi dell’Argentina questo test serve per crescere in vista della Coppa America. È quello, a giugno (quando la Seleccion ospiterà la manifestazione, ndr), il nostro grande obiettivo, la partita con il Portogallo non ci interessa molto, anche se vincere è sempre bello».
Tra le altre partite, i campioni del mondo della Spagna del «marchese» Del Bosque sfidano la Colombia al Bernabeu di Madrid (in caso di gol, David Villa diventerebbe il capocannoniere di tutti i tempi della Roja, superando il mitico Raul), mentre un’Inghilterra decimata dagli infortuni (Capello lancia dal 1’ il gioiello dell’Arsenal Wilshere) gioca a Copenaghen contro la Danimarca.