I candidati Usa sul ring

Era per forza di cose destinato ad affrontare i temi della crisi
finanziaria. È stato un dibattito astioso in cui i problemi
dell’economia sono stati occasione di polemica e di accuse reciproche.
John McCain doveva vincere per recuperare lo svantaggio che i sondaggi
gli attribuivano. Le prime rilevazioni attribuiscono la vittoria, di misura, a Barack Obama. <a href="/a.pic1?ID=296663" target="_blank"><strong>Il vecchio John attacca ma finisce fuori giri</strong></a>. <a href="/a.pic1?ID=296856" target="_blank"><strong>Obama schiva i colpi e vince il match ai punti
</strong></a>

Era per forza di cose destinato ad affrontare i temi della crisi finanziaria. È stato un dibattito astioso in cui i problemi dell’economia sono stati occasione di polemica e di accuse reciproche. John McCain doveva vincere per recuperare lo svantaggio che i sondaggi gli attribuivano. Le prime rilevazioni, immediatamente successive al match, attribuiscono la vittoria, di misura, a Barack Obama. I due candidati hanno offerto di sé due immagini molto diverse: aggressivo il repubblicano, imperturbabile il democratico, all’apparenza consapevole che il vento soffia a suo favore. Ancora prima del dibattito i numeri sembravano dargli ragione.
La società di ricerche Gallup per la prima volta gli attribuiva un distacco a due cifre sul rivale (52-41%, un divario dell’11%), anche se altri istituti di rilevazione mandavano segnali diversi: per Rasmussen il democratico era avanti di 6 punti (ma in discesa), mentre per Zogby e Diageo i due candidati erano era addirittura in una situazione di sostanziale parità.
Subito dopo l’incontro i due candidati sono ripartiti per i rispettivi tour elettorali. Obama ha lasciato Nashville e si è spostato in Indiana, uno Stato dove il presidente George W. Bush vinse nel 2000 e nel 2004 con margini del 15 e 20%. Quest’anno McCain ha solo due punti di vantaggio e lo Stato rischia di aggiungersi alla serie di roccheforti rosse (il colore dei repubblicani) che secondo i sondaggi potrebbero cambiare cavallo: Virginia, North Carolina, Florida, Missouri, Nevada. È questa situazione ad alimentare l’ansia di John McCain. Che deve fare i conti con le notizie ogni giorno peggiori sul fronte economico, che fino ad ora hanno hanno fatto volare le quotazioni di Barack Obama.