I carabinieri indagano sull’intossicazione

L’inchiesta a tutto raggio, al momento contro ignoti, avviata dal pubblico ministero Francesco Cardona Albini sull’inquinamento e sui malori in spiaggia, in cui si ipotizzano i reati di lesioni colpose e getto pericoloso di cose (sversamento in mare di sostanze inquinanti),è entrata ieri mattina nel vivo con una lunga audizione di un tecnico dell’Arpal, che ha fornito dati, testimonianze e risultati degli esami sinora eseguiti in laboratorio. Nel pomeriggio il pm ha delegato ai carabinieri del Noe lo svolgimento delle indagini, con la collaborazione dei tecnici dell’Arpal, mentre sarà l’Icram, l’istituto centrale per la ricerca scientifica e tecnologica, applicata al mare, a fare una relazione su quanto avvenuto sulle spiagge da domenica a mercoledì.