I carabinieri viaggiano in autobus per dare consigli

Otto messaggi per prevenire i crimini saranno appesi da oggi sui mezzi Amt

Lo scorso anno entrarono nelle case di tutti i liguri usando i cartoni del latte, ora salgono sugli autobus. I carabinieri della Regione Liguria diffondono consigli utili su come prevenire aggressioni, truffe, scippi, rapine, borseggi e molestie a donne e bambini grazie a una campagna informativa promossa in partnership con l'azienda di trasporto pubblico genovese Amt: il progetto pilota partirà oggi e potrebbe essere esteso su scala nazionale. I messaggi, in tutto 8, per 400 cartelli, saranno affissi sugli autobus e in metropolitana. Tra le raccomandazioni, anche l'invito a denunciare pacchi sospetti abbandonati, per contrastare il terrorismo internazionale. L'iniziativa è stata presentata ieri in una conferenza stampa alla quale hanno preso parte, tra gli altri, il comandante dei carabinieri della regione Liguria Alessandro Tornabene, il sindaco di Genova Giuseppe Pericu, il comandante provinciale dei carabinieri Mariano Mossa, oltre al presidente dell'Amt Enrico Zanelli.
«Il tema della sicurezza è centrale insieme a quello della mobilità - ha detto il sindaco Pericu -. Mi sembra che questi messaggi richiamino ad un rapporto di maggiore confidenza nei confronti delle forze dell'ordine». «Parlare al cittadino significa capirsi - ha sottolineato il generale Tornabene - ed è importante anche per una collaborazione che aiuta nel contrasto alla criminalita». L'iniziativa delle affissioni su autobus, metropolitane e locali del metro - ha spiegato il colonnello Mossa - segue il successo riscosso dalla campagna di informazione dello scorso anno, sui cartoni del latte, rivolta soprattutto agli anziani, per contrastare le truffe.