I caustici auguri al «Giornale»: «Natale vi guarisca dai bruciori»

«Tanti auguri per un 2010 migliore e un santo Natale che porti ogni bene, specialmente la guarigione dagli evidenti bruciori e acidità di stomaco». Così Rocco Buttiglione, di professione presidente dell’Udc, dà il suo caustico viatico natalizio al Giornale e ai suoi redattori. È l’ultimo atto di un botta e risposta iniziato qualche giorno fa quando il filosofo «in rimessa» (da anni ormai ha sospeso gli studi per dedicarsi alla politica) ha definito i giornalisti di via Negri come «iene dattilografe» e più in generale «fascisti». Un pensiero gentile al quale il nostro quotidiano ha risposto ripercorrendo con un ritratto di Giancarlo Perna le recenti tappe del presidente Udc, ormai da anni attento solo alla politica che gli ha riservato però più amarezze che soddisfazioni. Buttiglione infatti ha collezionato gaffe o addirittura autentiche e brucianti sconfitte sia all’Unione europea sia alle Comunali di Torino dove, come candidato sindaco, fu eliminato subito senza nemmeno passare al ballottaggio. Una trafila che lo ha emarginato anche all’interno del suo stesso partito, nel quale oggi ha un peso ridotto pur rivestendo una carica apparentemente prestigiosa.