I cinesi: «Peri non è una copia della Panda»

da Milano

I cinesi della Great Wall respingono al mittente l’accusa di aver copiato la Panda e intendono andare avanti con la Peri. Sulla vicenda che vede l’avvio di un’azione legale da parte della Fiat contro il costruttore cinese sia in Cina sia in Europa, Great Wall si difende definendo «le accuse di Fiat prive di fondamento. Non ci fermeremo» aggiunge e sottolinea «l’elevato investimento» effettuato per Peri, pari a 3 anni di studi e oltre 300 milioni di yuan (poco meno di 30 milioni di euro). Intanto, Fitch ha confermato i rating assegnati alla società finanziaria Fiat Group Automobiles Financial Services (Fasf): A- sulle emissioni di lungo termine, con prospettive su stabile, e F1 per i titoli a breve termine. Voti basati sul fatto che Fasf è «una delle maggiori finanziarie per il settore dell’auto in Europa», si legge in una nota dell’agenzia britannica. Inoltre Fitch ritiene che «in caso di necessità» Fasf potrebbe ottenere supporto dal suo azionista di riferimento, Sofinco, e dalla società di riferimento di quest’ultimo, ovvero il colosso bancario francese Credit Agricole: entrambe vantano rating a doppia A.