I CINQUE PUNTI

Emma Marcegaglia alla fine è uscita allo scoperto: il leader degli industriali, all’assemblea toscana, ha infatti annunciato che Confindustria, con altre associazioni imprenditoriali, presenterà al governo «un manifesto delle imprese per salvare l’Italia» sulle riforme da fare in fretta. «Se il governo è disponibile a parlare con noi sulle grandi riforme - ha spiegato - siamo pronti, se il governo vuole andare avanti sulle piccole cose noi non siamo interessati». Ecco i cinque punti della ricetta miracolosa: riduzione della spesa pubblica, riforma delle pensioni e del fisco, liberalizzazioni delle professioni e dei servizi pubblici locali, infrastrutture, vendita dei beni pubblici. «Abbiamo bisogno di cambiare passo - ha spiegato la Marcegaglia - dobbiamo dimostrarlo ai mercati finanziari». E così, alla fine, ha messo le carte in tavola.