I COLPI TRA LIGURIA E PIEMONTE

Ladri di biciclette per darsi al divertimento sfrenato nei fine settimana: una banda di sei giovani, tutti maggiorenni e residenti in provincia di Torino, per mesi ha fatto razzia nei negozi di Piemonte e Liguria prima di essere arrestata dai carabinieri.
I metodi usati erano molto violenti: spaccavano le vetrate con l’uso di aste di legno utilizzate come ariete, con tombini, mazze, martelli e furgoni lanciati ad alta velocità in retromarcia. Tutto questo solo durante la notte, da lunedì a venerdì. Generalmente la mattina era dedicata al riposo, il pomeriggio alla vendita della merce rubata e il fine settimana era tenuto libero per il divertimento.
Il ricavato della vendita della merce rubata serviva al gruppo per pagarsi diversi lussi: litri di spumante di pregio che si faceva servire nei privé delle discoteche torinesi e costosi capi d’abbigliamento griffati. In alcuni garages in uso agli arrestati i carabinieri hanno trovato 19 biciclette, sei moto di grossa cilindrata, 100 paia di scarpe, altri capi di abbigliamento rubati e due chili di droga. Secondo quanto stimato, il danno che hanno provocato agli esercizi commerciali ammonta a 250 mila euro.