I commercianti: «Via Nizza morirà di telecamere»

«In via Nizza il Comune di Roma, in collaborazione con l’Atac, si appresta a far montare le telecamere multautomobilisti. Si tratta di un ko definitivo alle oltre trenta attività commerciali che insistono su quella che ad oggi è, e rimarrà, l’unica strada verde di tutta Roma». Lo annuncia Giuseppe Lucà, presidente dell’associazione commercianti di via Nizza. «Gli amministratori del Pdl - aggiunge - ricorrono alle multe e alle telecamere, esattamente come la sinistra che prima criticavano tanto. Il tutto avviene con la tacita approvazione del II Municipio nella persona di Sara De Angelis, eletta a maggio come presidente del miniparlamentino». Secondo Lucà «il provvedimento che municipio e Campidoglio si apprestano a varare va contro tutti le promesse fatte durante la campagna elettorale, e si pone in evidente contrasto con la linea politico economica che il Premier Berlusconi sta conducendo a livello nazionale: quello di rilanciare l’economia del paese senza mettere le mani in tasca agli italiani. Anziché seguire un filo logico e riaprire, oltre a viale Libia e viale Eritrea, anche via Nizza, si adottano palesemente atteggiamenti “due pesi e due misure”. In questo modo i responsabili di questo provvedimento avranno sulla coscienza le trenta attività commerciali che già oggi sopravvivono tra molte difficoltà».