Al via i concerti della domenica mattina

Si parte oggi, protagonista l’orchestra Verdi diretta dal maestro Ruben Jais

Comincia oggi la stagione dei concerti della domenica mattina in Auditorium. Sono esibizioni seguite principalmente dai giovani grazie anche ai prezzi dei biglietti popolari, protagonisti i solisti dell'Orchestra Verdi, diretti dal Maestro Ruben Jais. Il via oggi alle 11 con l'esecuzione del «Concerto n. 1 per violino e orchestra K 207» e il «Concerto per fagotto in si bemolle maggiore K 191». Anche per questa manifestazione musicale i solisti sono stati scelti fra le prime parti della Verdi, come la violinista Eriko Tsuchihashi e il cornista Alarico Lenti. Entrambi giovani, hanno trovato una possibilità di stipendio (piccolo) e di carriera entrando alla Verdi la quale, fra mille difficoltà, riesce a valorizzare chi lo vale. Eriko Tsuchihashi è nata in giappone nell'80 e vanta un curriculum di tutto rispetto. Il cornista Lenti è nato a cuneo nel 1974.
I concerti si tengono una volta al mese, fino ad aprile, sempre alle 11. Il 14 ottobre, il Maestro Ruben Jais, con il violinista Luca Santaniello e il flautista Frédérik Ghijselinck proporranno il «Rondò per violino e orchestra in Do maggiore K 73», il «Concerto per flauto e Orchestra in Sol maggiore K313» ed il «Concerto n, 2 per violino e orchestra in Re maggiore». Il 18 novembre è la volta dell'«Adagio per violino e orchestra in Mi Maggiore K 261» del «Concerto per clarinetto in La maggiore K 622» e della «Sinfonia concertante per viola, violino e orchestra in Mi bemolle maggiore K 364» sempre con l'Orchestra da Camera Verdi, diretta da Ruben Jais e con Luca Santaniello (violino) Gabriele Mugnai (viola) e Fausto Ghiazza (clarinetto). Il 9 dicembre si spazierà dal «Concerto per corno e orchestra n. 1», al «Concerto per oboe e orchestra in Do maggiore K 314» e al «Concerto per corno e Orchestra n. 3, K 447». In gennaio concerti dedicati a Mozart, sempre sotto la direzione di Ruben Jais e l'Orchestra Verdi, collaborano Luca Santaniello (violino), Sandro Ceccarelli e Giuseppe Amatulli (corno).