I consigli della Forestale per muoversi sicuri sui sentieri delle Cinque Terre

Una gita o anche una semplice passeggiata lungo i sentieri delle Cinque Terre può comunque nascondere delle insidie. Per questo, anche in conseguenza della grande affluenza di escursionisti in questi giorni, il Coordinamento Territoriale per l'Ambiente del Corpo Forestale dello Stato, preposto alla sorveglianza del Parco Nazionale, ha intensificato il pattugliamento degli itinerari più battuti. Lo scopo è ridurre gli inconvenienti dovuti all'affollamento e far passare così una buona vacanza a tutti. Gli uomini della Forestale raccomandano di indossare calzature chiuse e con suola di gomma, non abbandonare i sentieri segnati, fermarsi per guardarsi intorno e per lasciare il passo, stare a debita distanza da chi usa le racchette da trekking, non abbandonare rifiuti, compresi i fazzoletti di carta, e servirsi dei W.C. in paese, non usare passeggini e biciclette tra Corniglia e Monterosso, sia per le difficoltà pratiche che per non bloccare il transito, tenere al guinzaglio il proprio cane, chiedere sempre consiglio al personale del Parco addetto al pedaggio, utilizzare in caso di emergenza le apposite colonnine di soccorso o chiamare i numeri verdi 1515 (Corpo Forestale dello Stato) 115 (Vigili del Fuoco) 118 (Soccorso sanitario).