I consumatori bocciano le compagnie

L'89,2% dei consumatori italiani ritiene che le regole e le norme del settore assicurativo tendono a tutelare gli interessi delle compagnie d'assicurazione più che quelli degli automobilisti assicurati. Il 54% del campione afferma che l'attuale normativa renda lungo e complicato per gli assicurati cambiare compagnia.
Sono questi i numeri più significativi di una ricerca realizzata per Direct Line, compagnia di assicurazione telefonica e Internet del gruppo Royal Bank of Scotland, da Astra Demoskopea. Secondo la ricerca i consumatori valutano in modo estremamente negativo il fatto di non poter cambiare compagnia prima della scadenza annuale della polizza, nei casi consentiti per legge (come per esempio la sostituzione del veicolo), senza perdere la propria classe di merito. L'attuale normativa infatti non consente di poter usufruire dell'attestato di rischio se non al termine dei 12 mesi, ossia una volta all'anno.