I contratti pubblici fanno salire il deficit

In gennaio il fabbisogno di cassa del settore statale ha segnato un «rosso» di 2,7 miliardi di euro, in peggioramento rispetto al gennaio 2005 quando la differenza fra entrate ed uscite di cassa era stata positiva per 1,118 miliardi di euro. Secondo il ministero dell’Economia, che ha reso noto il dato, il fabbisogno di gennaio sconta l’incidenza di diversi fattori: tra questi, il pagamento degli arretrati in seguito al rinnovo dei contratti in alcuni comparti della Pubblica amministrazione, per un importo di circa 1,5 miliardi di euro. Inoltre ci sono da registrare lo slittamento da dicembre a gennaio di interessi passivi per rate di ammortamento mutui, finanziamenti per l’alta velocità ferroviaria per 750 milioni e infine sono venuti meno gli incassi molto consistenti del Lotto che erano stati registrati nel gennaio 2005, per il ritardo del numero 53. Stavolta, nessun ritardo particolare ha spinto gli scommettitori ad aumentare il flusso delle giocate.