I controllori italiani in Usa

Osservatori italiani supervisioneranno le elezioni americane. Insomma chi ce la farà tra Obama e McCain avrà la «benedizione» tricolore. Saranno in sette (ancora da definire i loro nomi), tutti parlamentari, e verranno inviati nei seggi di Florida, Missouri e New Hampshire. Per una volta l’intervento italiano non sarà considerato uno stage per vedere quanto sono bravi gli altri rispetto a noi, ma, udite udite, per accertare lo svolgimento di elezioni veramente libere e democratiche. Una missione che, se rivolta agli Stati Uniti come in questo caso, fa un po’ scena a dire il vero, ma rappresenta una procedura ormai consueta dell’Osce. E ieri l’ambasciatore Usa, Ronald Spogli, ha incontrato la delegazione italiana.