I cortei ci costano 2 milioni di euro ogni anno

Roma vuole una tassa sulle manifestazioni. Il vicesindaco di Milano Riccardo De Corato propone una cauzione. Ma quanto costano le manifestazioni in città? Si può calcolare partendo da un dato «fisiologico»: un corteo di dimensioni medio-grandi, come il Primo maggio, costa 50mila euro. Poco meno della metà va in pulizia delle strade e degli imbrattamenti e danni, il resto in servizio di polizia municipale e oneri vari. Ma è la media. La «festa» dei centri sociali per chiedere spazi lasciò un a scia di imbrattamenti e danni da 100mila euro. Ed è un valore che torna, questo, nelle stime di Comune e polizia municipale, laddove si verificano danni.
E quante sono le manifestazioni a Milano? Se intendiamo i sit-in, i banchetti, i comizi, i presidi e così via, la città ne ospita almeno una al giorno. Limitiamoci a considerare i cortei del sabato. Anzi, quelli più grossi: due al mese. Basterebbe una stima così al ribasso per superare il milione l’anno. Due in caso di danni più seri.