I costi dello sciopero Oltre 160 milioni per lasciare i bimbi con la baby-sitter

Oltre 160 milioni di euro. Tanto costerà alle famiglie con bimbi alle elementari lo sciopero di giovedì prossimo nel settore scolastico. Perché ritrovarsi i pargoli in casa in un giorno lavorativo costringerà le famiglie a rivolgersi a baby-sitter e badanti, nel caso in cui - come spesso succede nelle grandi città - non ci sia il circuito parentale ad andare in soccorso dei genitori. A calcolare il dato è il Moige, il Movimento italiano genitori, che ieri si è detto soddisfatto dell’incontro con il ministro Mariastella Gelmini e che riferisce di 2.564.111 bambini iscritti alle primarie, pari al 33,1 per cento dell’intera popolazione scolastica statale. Calcolando che il costo medio di una baby-sitter si aggira intorno agli 8 euro l’ora, che per coprire 8 ore (l’arco della giornata) ogni nucleo spenderà 64 euro, si arriva presto ai 160 milioni di costo.