«I cuori di Marti», per aiutare a realizzare i sogni degli altri

La fondazione voluta dai genitori di Martina per dare un senso al loro dolore dopo la perdita della figlia scomparsa la scorsa estate. Sabato una cena per raccogliere i fondi necessari ad avviare i primi progetti

Martina non c'è più. E i suoi genitori, a qualche mese di distanza dalla sua morte, stanno cercando di dare un senso al loro dolore costituendo una fondazione per far «confluire in maniera costruttiva le energie di molti». «I cuori di Marti» è il nome della fondazione che sarà presentata domenica alle 17,30 presso la Sala Civita a piazza Venezia 11. «Si parlerà solo del futuro e dei sogni che potrebbero avverarsi con il tuo aiuto», si legge nell'invito scritto in prima persona e firmato Martina. Per raccogliere i fondi necessari ad avviare i primi progetti è stata organizzata una cena che si terrà sabato 18 dicembre presso le aule didattiche della scuola di cucina «A tavola con lo chef» in via della Pineta Sacchetti n. 263 (per prenotazioni 335/6076841). Il ricavato sarà interamente devoluto alla Fondazione per le sue iniziative a sostegno della formazione sportiva delle minoranze giovanili e alla «Association Taratry Ny Ankizy» di Antsirabé in Madagascar.