I diritti inviolabili dell’uomo fra Europa e Usa

Traccia: «Europa e Stati Uniti: due componenti fondamentali della civiltà occidentale. Illustra gli elementi comuni e gli elementi di diversità fra le due realtà geopolitiche, ricercandone le ragioni nei rispettivi percorsi storici».

Ciò che unisce l’Europa e gli Stati Uniti d’America sono le radici stesse dell’identità culturale dell’uomo occidentale. Ciò che divide sono le diverse strade che le due storie, una del continente più vecchio, l’altra di un continente scoperto soltanto cinque secoli fa, hanno percorso.
Molte sono le cose che ci uniscono ma certamente il concetto di uomo come persona portatrice di diritti inviolabili è ciò che caratterizza, fonda e organizza la comunità umana occidentale. Le grandi tradizioni della filosofia greca e del cristianesimo, sia quella del Sinai sia quelle del Golgota, Gerusalemme, Atene e Roma, si sono cristallizzate fondendo le ragioni inalienabili che descrivono l’uomo come individuo e come persona, appunto.
E non è un caso che queste due realtà territoriali vengano indicate con il termine collettivo di Occidente. Ulteriore indicazione della preminenza degli elementi di unità nei confronti delle caratteristiche differenzianti.
Questo tema di unità è, oggi, sommamente rilevante nel tempo in cui dottrine fondamentaliste vorrebbero il prevalere assoluto della legge religiosa sulla legge civile. Il cristianesimo insegna che si può vivere da cristiani nella società civile rispettando, da uomini, la legge umana. Un contributo nel senso della laicità del diritto e delle regole della comunità umana, dell’Europa, degli Stati Uniti.
Il giorno in cui salpò la nave «Mayflower», una parte di Europa andò alla ricerca di un Nuovo Mondo. Portò con sé idee e tradizioni del continente ma, nello stesso tempo, un forte impulso alla libertà. Religiosa in testa. In quelle terre non ancora entrate in contatto con la cultura occidentale avvenne la realizzazione dell’idea moderna di società: lì, per la prima volta, gli ideali di emancipazione religiosa, economica e civile videro la luce nella forma moderna che oggi conosciamo. Questa miscela ha fatto sì che quel continente molto più giovane dell’Europa divenisse - è la realtà di oggi - anche il più forte sia dal punto di vista economico sia da un punto di vista militare.
Il processo di formazione di quelle idee non avvenne in maniera totalmente autonoma ma trasse nutrimento da un confronto continuo e anche acceso. In questa storia sta anche la traccia del futuro: di due continenti che possono giovarsi vicendevolmente della diversità giocando assieme un ruolo geopolitico complementare e, perciò, insostituibile.