I Ds risorgono in Val d’Aosta E candidano due di Barletta

I Democratici di sinistra «risorgono» in Valle d’Aosta: ieri sera, al Tribunale aostano, è stata presentata una lista Ds (Democratici di sinistra), una in più rispetto alle cinque previste, che candida Antonio Corvasce alla Camera e Fedele Giannone al Senato. Gente del luogo? Macché, ma che importa? Entrambi i candidati sono residenti a Barletta in provincia di Bari e totalmente slegati dai movimenti politici che operano in Valle d’Aosta: «Nella nostra Regione l’uso del simbolo dei Ds è di nostra competenza - si lamenta Laurino Rean, ultimo segretario del movimento confluito nel Partito democratico - nei prossimi giorni verificheremo se questa lista può essere effettivamente presentata oppure no». I Democratici di sinistra valdostani, che hanno aderito al Partito democratico, appoggiano infatti la lista dell’Alleanza Autonomista Progressista che candida i parlamentari uscenti, il deputato Roberto Nicco e il senatore Carlo Perrin. A differenza di quanto avviene nel resto del Paese, in Valle d’Aosta vige un sistema uninominale maggioritario secco per l’elezione del deputato e del senatore valdostano.