I dubbi del deputato sull’alleanza in Regione

Lo hanno definito uno dei giovani rampanti della politica italiana, sempre che per giovane anagraficamente si possa considerare il quarantaduenne Luca Volonté, parlamentare Udc alla Camera e candidato alle elezioni europee nel collegio Nord Ovest. C’è chi lo ritiene il più «filo Pdl» nella squadra di Casini ma lui si presenta a Genova attaccando il ministro Michela Brambilla che ieri non si è presentata ad un incontro con gli operatori del turismo organizzato nel savonese: «Segno che per essere ministri non basta avere il titolo, bisogna esserci e dare risposte e, dalla Brambilla, le proposte latitano».
Onorevole, veniamo alle elezioni. L’Udc in Liguria o va con il centrodestra o corre da sola.
«In alcune amministrazioni abbiamo deciso di proseguire un’esperienza al governo o all’opposizione con Pdl e Lega Nord perché c’è stato affiatamento. In altre zone si è scelto di andare da soli per mancanza di intesa. Dove l’Udc corre da sola ha programmi autonomi e molto accattivanti».
Non avete tenuto in considerazione Pd e gli altri a sinistra. Ma in Regione rimanete in maggioranza.
«Non facciamo parte della Giunta e non dettiamo l’agenda politica di Burlando. Abbiamo Rosario Monteleone nel ruolo di vicepresidente del Consiglio: è una persona stimata da tutti ma non condiziona la politica di chi sta governando».
Temi europei: qui da noi si parla di turismo, infrastrutture e portualità. Realmente, come può incidere un parlamentare europeo in questi ambiti?
«Poco, perché non possiamo fare altro che mantenere vivo l’interesse sui progetti che ci riguardano da vicino. Deve esserci un impegno congiunto di tutti i parlamentari italiani su temi specifici per portare a casa finanziamenti necessari ad opere strategiche»
Per esempio?
«Credo che il Governo si stia muovendo bene su Terzo Valico e Gronda di ponente. Sono opere di respiro per la Liguria e per tutto il Nord Italia»
Gay Pride, come valuta la storia delle fiabe gay, gli opuscoli con riferimenti a siti pornografici e la polemica seguente?
«Credo che Marta Vincenzi stia dimostrando il contrario di ciò che pensavo che fosse: un buon sindaco per Genova. Questi episodi sono il contrario del buon gusto e del buon costume. La manifestazione ha avuto la sola finalità di scandalizzare dei bambini»
Secondo lei siamo solo all’inizio?
«Il fatto che abbiano scelto di mantenere delle celebrazioni nel giorno del Corpus Domini è segno della mancanza di rispetto verso i tanti fedeli cattolici che quel giorno celebreranno la loro festa»
Ma a coordinarli c’è un vostro ex collega di partito...
«In una battuta penso che Alberto Villa debba evitare di fare facile propagando visto che credo abbia scelto quel ruolo perché gli è fruttato un compenso da coordinatore»
Regionali 2010, dove andrà l’Udc?
«Per ora cerchiamo di arrivare all’8% il 6- 7 giugno, poi ci metteremo a trattare».