I due ferraristi: «Non è finita»

nostro inviato a Montreal

E adesso sono 15 punti dalla vetta, da Hamilton. Massa ha stampato in fronte questo numero e la rabbia per la squalifica. Una rabbia che fa a pugni con la felicità per Kubica salvo: «È un amico, è un gran bravo ragazzo, meno male» dice prima di lasciarsi prendere dal furore agonistico. «Sono arrabbiatissimo, non capisco, sono nero. Queste nuove regole sulla safety car sono assurde, mai al mondo avrei pensato di trovare il semaforo rosso fuori dalla pitlane dopo un rifornimento... Tanto più che in pista c’era tutta quella confusione ed era difficile accorgersi di tutto. Non pensavo di commettere un’infrazione. Il mondiale? Non è chiuso, ho un distacco minore rispetto a quello di Schumi qui lo scorso anno. Ma dobbiamo migliorare, l’auto non andava bene. Adesso le McLaren sono più veloci». E Raikkonen: «Ho avuto problemi di tutti i tipi, la macchina non andava bene, scivolava ovunque... certo, avevo anche preso dei detriti di Kubica e danneggiato l’alettone quando ho toccato Massa. Ho perso altri punti da Hamilton ma ne ho guadagnati due su Alonso. Il mondiale non è ancora chiuso».\