I due rapinatori erano ex guardie giurate

Hanno assaltato un furgone portavalori dello stesso istituto di vigilanza per cui avevano lavorato

Clero Bertoldi

da Foligno (Perugia)

Due ex guardie giurate, licenziate da pochi mesi, hanno organizzato la rapina, finita nel sangue, ai loro ex colleghi, a Foligno, davanti al supermercato MaxiTigre. I malviventi si erano appostati dietro una siepe e all’arrivo del furgone della Crc sono usciti dall’ombra, pistole in pugno e volti scoperti. I vigilantes, però, tenevano la guardia alta. Quando hanno visto le armi impugnate dai banditi hanno aperto il fuoco. Sul terreno, fulminato, è rimasto Gaetano Tramontano, 40 anni, originario di Napoli, residente a Spoleto. Aveva finito il lavoro di vigilante scaduto il suo contratto a tempo. Il secondo rapinatore, anche lui un ex ssceriffo, collega delle vittime che voleva rapinare, è riuscito a scappare, ma si è costituito, pochi minuti dopo: era ferito. E qui la prima sorpresa: si tratta di un calciatore, Stefano Lattanzi, di 28 anni di Castel Ritaldi, attaccante della Virtus La Castellana, campionato di Promozione umbra e cresciuto nel settore giovanile del Perugia. Ieri mattina gli investigatori hanno fermato anche due donne e due uomini, che avrebbero fatto parte del commando o che comunque avrebbero fornito appoggio logistico ai rapinatori. La banda sarebbe arrivata a bordo di un’Alfa 155 e di una Punto, ma dopo gli spari, i «pali» e i conducenti delle vetture con le quali il gruppo si sarebbe dovuto dileguare, sono scappati subito. In serata il pm Manuela Comodi stava ancora interrogando l’arrestato (che è stato operato durante la notte) e i fermati per capire come e perché persone insospettabili e giovani di buona famiglia si siano trasformati in rapinatori.