I due umori della difesa

Luca Russo

«Il tempo non è compatibile con lo stralcio e il rinvio» afferma l'avvocato Mattia Grassani. «Il fatto che siano ancora riuniti vuole dire che ci stanno pensando, spero sia un fatto positivo» replica l'altro legale Carlo Biondi. Punti di vista del collegio difensivo di un'attesa che anche ieri ha permeato l'ambiente rossoblu tra stati d'animo differenti.
E così la commissione disciplinare presieduta dal professor Claudio Franchini, che da domenica sera si è riunita in un albergo milanese per decidere le sorti del Genoa, dovrebbe pronunciarsi questa mattina.
Ieri i telefoni della Lega hanno squillato a ripetizione. Alle 12 e alle 16 la commissione non sapeva ancora fare stime sulla conclusione e quindi sulla possibile sentenza con motivazioni. Poi alle 20 è arrivata la conferma che il verdetto non sarebbe arrivato.
L'attesa secondo l'avvocato Mattia Grassani non sarebbe un segnale positivo. Insomma la domanda è perché impiegare tanto tempo per arrivare ad una sospensione paventata lunedì da più parti in base all'articolo 37 comma 10 del codice di giustizia sportiva che si rifà all' incompletezza delle indagini? Per l'avvocato Carlo Biondi la lunga attesa sarebbe invece un segnale di «attenta valutazione sull'argomento». E il fiato sospeso resta dopo la pesante richiesta del procuratore federale, la retrocessione in C1. In caso di sentenza sfavorevole pronto comunque il ricorso alla Corte di Appello Federale.
Dal ritiro austriaco di Neustift anche ieri sono arrivati segnali di ottimismo e fiducia nonostante la comprensibile tensione. «Aspettiamo con serenità il pronunciamento dell´organo giudicante nel rispetto delle decisioni che verranno prese - ha commentato Marco Rossi - ma con la consapevolezza che la societa` ha fatto il massimo per ribattere alle accuse e che noi abbiamo meritato la promozione sul campo. Credo in ogni caso, anche se questa attesa è un po’ snervante, che sia meglio vedere le cose sotto la luce dell´ottimismo. Ne va della nostra tranquillità e del lavoro che stiamo portando avanti con serietà, dedizione e senza lasciarci distrarre da questioni che non dipendono da noi».
E ieri serata tutti in una baita a 1600 metri per cementare ulteriormente il gruppo guidato da Francesco Guidolin. Oggi, dopo il test con la Val Stubai (10-0), il Genoa sarà impegnato nella seconda uscita stagionale allo Stadio di Schwaz, a una quarantina di chilometri da Neustift im Stubaital, contro i campioni in carica dell’Olympiakos Pireo (inizio alle ore 19, biglietti già in vendita presso l´ufficio turistico di Neustift). La squadra greca, che nella rosa ha giocatori del calibro dei brasiliani Geovani e Rivaldo, e´stata la mattatrice della recente campagna-acquisti e cova ambizioni di vaglia per lasciare una traccia significativa nella prossima Champions League.
E proprio sul fronte del calcio mercato è stata definita tra Genoa, Verona e Lazio la cessione in compartecipazione ai biancazzurri del giovane Valon Behrami. In pratica gli scaligeri hanno ceduto il loro 50% del cartellino alla Lazio mentre la società continua a detenere l'altra metà.
Sempre in uscita praticamente definita la cessione di Marco Carparelli alla Cremonese. Francesco Baldini vicino all'Avellino.