Tra i favoriti Bennati, Petacchi e Boonen

Un tempo era la prima, la nobile apertura di uno sport che oggi si è dilatato nel calendario. Infatti si corre da tre mesi, ma il traguardo che conta è là, in fondo al Poggio, sul lungomare Italo Calvino, dopo quasi 300 chilometri di corsa. Non ci sarà il campione del mondo Alessandro Ballan, fermato da un virus e dalla maledizione iridata. Non ci sarà l’ultimo vincitore, Fabian Cancellara, così come Frank Schleck e il campione olimpico Samuel Sanchez.
Ci saranno Bennati, Boonen e Petacchi; Hushovd, Lorenzetto, McEwen e Cavedish: le ruote veloci, le più attese. Ma anche gli attaccanti, come Rebellin, Scarponi, Pozzato, Di Luca, Garzelli, Chavanel e Luis Sanchez. Duecento corridori al via, venticinque squadre (presente pure Basso, anche se non è la sua corsa). Duecentonovantotto chilometri, con Turchino, Manie, Capo Mele, Cervo e Berta da superare in sequenza, prima della Cipressa e del Poggio. Partenza da via Chiesa Rossa alle 9.45, arrivo previsto per le 16.30.
Tv. Diretta su Rai Tre, dalle 14.50.