I finalisti dell’«Acqui»

Mario Calabresi con Spingendo la notte più in là (Mondadori), Stefania Falasca con Un vescovo contro Hitler (San Paolo), Clemente Manenti con Ungheria 1956 (Sellerio), Giovanni Minoli con Eroi come noi (Rizzoli), Renata Pisu con Cina il drago rampante (Sperling&Kupfer) sono i finalisti per la sezione «divulgazione» del 40º premio Acqui Storia, che verrà assegnato ad Acqui Terme in ottobre. Per la sezione storico-scientifica sono invece in lizza Paolo Buchignani con La rivoluzione in camicia nera (Mondadori), Marina Cattaruzza con L’Italia e il confine orientale (il Mulino), Piero Craveri con De Gasperi (il Mulino), Amoreno Martellini Fiori nei cannoni (Donzelli) e Lisa Roscioni Lo smemorato di Collegno (Einaudi). Il premio è nato nel 1968 per onorare il ricordo della divisione Acqui massacrata dai nazisti a Cefalonia.