I finanzieri Due degli arrestati chiedono di patteggiare

I CLIENTI Nel computer di Pessina 576 persone che si erano rivolte a lui per occultare i loro guadagni

Giuseppe Anastasi e Paolo Pasqualetti, i due ex finanzieri arrestati lo scorso febbraio nell’ambito dell’inchiesta su presunte irregolarità per la bonifica dell’area Montecity-Santa Giulia, chiedono di patteggiare la pena a due anni e sei mesi di carcere. L’istanza di patteggiamento è stata formalizzata ieri in aula dai loro difensori, al processo con rito abbreviato in corso a Milano davanti alla seconda sezione penale del tribunale.
Contestualmente alla richiesta di patteggiamento c’è anche un’istanza di libertà per i due che sono tutt’ora detenuti. Il patteggiamento prevede anche il versamento di 150 mila euro ciascuno e la restituzione di un box di un appartamento a Roma. I due ex finanzieri, inoltre, stanno facendo rientrare dalla Svizzera complessivamente la somma di un milione e 400 mila euro.
I giudici decideranno sulla richiesta di patteggiamento il prossimo 12 novembre.