I gadget degli Aquilotti fanno boom

Enrica Suzzi

da La Spezia

Due giorni per ricaricare le pile. Due giorni per ritrovare le forze, dopo un finale di stagione giocato ad altissimi livelli. Due giorni per rivivere con il «rewind» le emozioni di domenica, aspettando il risultato di Sambenedettese-Genoa, dopo aver sconfitto la Pro Sesto. Antonio Soda ha lasciato tutti a casa, lunedì e martedì, e soltanto oggi il suo gruppo si ritroverà per preparare la trasferta - si spera decisiva - di Padova.
L'entusiasmo, in città, è alle stelle. Basti pensare che gli Spezia Point, i negozi che distribuiscono il merchandising degli Aquilotti, non hanno più neppure un calzino a disposizione. E poi basta leggere le poche parole dei dirigenti spezzini, affidate al cliccatissimo sito internet www.acspezia.com: «La nostra forza, la forza dello Spezia sta anche nella profonda commozione che all'annuncio del risultato di Sambenedetto ha coinvolto persone di ogni età; donne, uomini e bambini uniti in un unico grande abbraccio con tanta voglia di festeggiare e di liberarsi di un passato avaro di emozioni».
Dei ricorsi del Genoa non importa. Nessuno ne parla. Il dg Rocco Russo risponde con un flemmatico: «Non leggo mai i giornali e non ascolto le televisioni al lunedì...». Antonio Soda pensa al calcio giocato. E al futuro, visto che, comunque andrà questa stagione, ha deciso di sposare anche per la stagione 2006-2007 gli Aquilotti, rimanendo sulla panchina che l'ha messo in evidenza, su una panchina dove neppure allenatori illustri, in tanti anni, sono riusciti a fare altrettanto.
Soda, pensando alla trasferta in Veneto, fa la conta: mancheranno gli squalificati Padoin e Ciarcià (due laterali), l'infortunato Groppi (altro laterale), mentre Ponzo e Bianchi (ovvero altri due esterni...) si alleneranno a ridotto. A questi si aggiungano le assenze di Rotoli, Pessotto e Grieco. Insomma, un bel pezzo di rosa è con le ossa rotte. «Ma la forza di questa squadra è nel gruppo», dice Soda, convinto che chiunque sarà messo in campo darà comunque il massimo per conquistare i tre punti che significherebbero serie B.