I gelati «serviti» dal quinto piano

Subito, pareva un invito: «Se passi da quelle parti, i gelati te li tirano». Ma non bisogna equivocare: da quelle parti, alla Garbella, nella zona più a ponente di Imperia, davvero capita che i gelati «te li tirano». Non nel senso del prezzo stracciato, bensì letteralmente: dal quinto piano, sulle macchine dei passanti. E te li tirano a palate per giunta, ottime e abbondanti. Che so? Ad esempio: per una Stilo fragola insipida e sciroppo di amarena, per una Micra la crema dei Puffi, per una Polo il paciugo al baccalà norvegese, e per una Ferrari (visto il momento) affogato al limone e alla mela acida. Tutto precipitato dall’alto, dalla terrazza, dove una compagnia di birichini minorenni in gioiosa festa di compleanno aveva pensato bene di coinvolgere gli inconsapevoli automobilisti spalmandoli di sorbetto. Va da sé che i malcapitati, oggetto di ripetuti lanci su parabrezza e carrozzeria, non abbiano gradito. E si siano rivolti alla questura di piazza Duomo per le opportune rimostranze. La squadra di agenti prima ha verificato la persistenza del fenomeno, poi è intervenuta con autorità e autorevolezza. Quando si sono trovati di fronte le divise, i giovanissimi lanciatori hanno smesso di ridere e, soprattutto, hanno cercato di far sparire i gelati. Troppo tardi. Le rampe di lancio, armate di crema multicolore, hanno fatto la spia. E poi, va bene l’afa e la golosità, ma quella vasca da bagno riempita di mantecato...