I Gemelli Diversi all’Arena del Mare

Questa sera saliranno sul palco all’Arena del Mare i Gemelli Diversi, il gruppo del momento, il cui l’ultimo cd e il video impazzano alla radio, su Mtv e Allmusic. Il gruppo è composto da un D.J., Thg, due rappers, Grido e Thema ed un cantante rapper, Strano. Al concerto presenteranno «Boom!», il loro quinto disco pubblicato lo scorso giugno. Anche questo, come i precedenti album, contiene canzoni interamente scritte ed arrangiate dai Gemelli Diversi.
Il primo singolo estratto, «Istruzioni per l'(ill)uso» è una forte critica al mondo televisivo odierno ed ai valori che esso propone. Nella tracklist sono presenti anche brani di forte ironia come «Boy-BBand» o di spiccata emotività come «Icaro», «A 12 Km (da casa)» e «Cattive Compagnie». La canzone «Ancora un po’» è inclusa anche nella colonna sonora del fortunato film «Notte prima degli esami-oggi».
I Gemelli Diversi sono nati e cresciuti nella Spaghetti Funk, il più fertile terreno della creatività Hip Hop italiana, diversi nell’aspetto ma gemelli negli intenti, il gruppo è caratterizzato da una forte personalità che, nel rispetto della matrice funk americana, non si distacca mai dalla melodia italiana. Questa sapiente miscela ha portato ad uno stile di grande presa fin dalla nascita del quartetto, che con l'album d'esordio, a partire dall’ascoltatissima «Un attimo ancora», e con i singoli tratti dall’ultimo album, hanno ottenuto eccellenti risultati. I Gemelli Diversi oggi sono una realtà che si è imposta nel mercato discografico diventando una band di richiamo internazionale tanto da vincere nel 2006, il Kids Choice Awards di Nickelodeon come migliore band italiana.
Dal funk dei Gemelli Diversi allo ska di Giuliano Palma & The Bluebeaters sul palco dell'Arena del Mare domani sera, 13 luglio.
La band è nata quasi per gioco, infatti, nel 1994 Giuliano Palma, cantante storico dei Casino Royale, raggiunge Torino per cantare come ospite in un album dei Fratelli di Soledad, «Gridalo Forte». Pareva che dovesse andare così: un solo brano e un solo concerto e invece era solo l'inizio. L'idea di una live band, di un gruppo formato da amici appassionati di rocksteady giamaicano e soul americano nasce da qui: «Ci guardiamo in faccia e cominciamo a suonare la colonna sonora di "The Harder They Come", poi "Redemption Song", "54-46" di Toots, ma anche "Love is the Law" degli stessi Casino Royale», raccontava il gruppo qualche anno fa. Il nome che si scelgono è un aperto omaggio alla musica giamaicana degli Anni '60, il «bluebeat». I Bluebeaters non solo suonano classici dello ska ma riarrangiano anche brani commerciali con la stessa disinvoltura: «Do You Believe In Love» di Cher è riuscita talmente bene da aver fatto sorgere il dubbio che si trattasse di un brano originale del gruppo. Giuliano Palma & The Bluebeaters sono soprattutto una live band, anche se al momento sono impegnati nella registrazione del loro nuovo, attesissimo album, la cui uscita è prevista in settembre. Ma viste le numerose richieste il tour continuerà anche questa estate, infatti, lo spettacolo che ha avuto un incredibile successo e ha visto quasi tutte le tappe sold out, sarà riproposto con qualche nuovo brano tratto dall'album che uscirà a settembre.