I giardini restaurati affidandosi al caso

A proposito di zone di Milano degradate, faccio presente i giardini di piazza Leonardo da Vinci.
Un tempo splendido esempio di architettura d’esterni con piante a gruppi, scelte secondo la specie, il colore del fogliame, la dimensione, l’epoca di fioritura, il colore dei fiori. Dopo anni di abbandono le piante morte sono state sì sostituite con quanto disponibile nei vivai comunali e non sempre esteticamente compatibile con l’esistente né posizionate secondo il progetto originale. Roberto Rocchi