I Giusto naufragano a Cogoleto

Una giornata di relax dopo tante settimane di tensione per la vicenda del trasferimento in Bielorussia di Maria, la bimba che aveva trascorso a Cogoleto le vacanze estive e che loro avevano nascosto per impedire che fosse riportata nell’orfanotrofio in cui era stata violentata. Alessandro e Chiara Giusto, ieri pomeriggio avevano deciso di concedersi un po’ di riposo sfruttando la bella giornata e il mare calmo. Erano usciti per fare una breve gita in barca, ma sono stati protagonisti di una brutta avventura che si è per fortuna conclusa senza conseguenze.
Erano saliti su una piccola barca a vela e si erano da poco allontanati da riva quando, poco dopo le 15, un’improvvisa folata di vento ha rovesciato l’imbarcazione. Nonostante si trovassero a poche decine di metri dalla terraferma, i coniugi Giusto sono stati subito soccorsi da altri diportisti che si trovavano in zona e che hanno avvertito la capitaneria di porto. In particolare il padrone di un gozzo ha iniziato a trainare la barca verso riva evitando che affondasse o che venisse trascinata al largo. Sul posto sono stati inviati una motovedetta della guardia costiera e un elicottero dei vigili del fuoco con una squadra di sommozzatori che si è calata in mare per soccorrere i coniugi Giusto che nel frattempo si erano aggrappati allo scafo della piccola barca a vela da quattro metri e mezzo, indossando i giubbotti salvagente. I due «naufraghi» sono stati poi visitati ma le loro condizioni di salute erano buone e non è stato necessario accompagnarli in ospedale.