I gol di Milito? Annullati per legge

La macchina del tempo potranno anche inventarla, prima o poi. Ma intanto il calcio continuerebbe a fregarsene. Il calcio è quel gioco che preferisce gli errori degli arbitri alle prodezze dei calciatori. Per dire, a Siena amano gli sbandieratori? E allora come non regalare una bandierina a qualcuno e dargli licenza di partecipare? Il regolamento e le disposizioni di Collina poi sono chiarissime: in caso di dubbio, meglio giocare alle belle statuine a meno che, comma 4-quinquies, non si veda Milito che la butta dentro. In quel caso, mollare tutto e sventolare a piacere. E se di solito i commi 4-quinquies servono per le eccezioni, quest’anno il fuorigioco inesistente di Milito è la regola, applicata a Siena per la sesta e settima volta. Ora anche in via preventiva, sia prima sia dopo che il capocannoniere virtuale faccia gol. Ma qui basterebbe la moviola. La macchina del tempo allora la uso io e... oplà, torno a sabato sera: Milan, Fiorentina e Genoa giocano tutte e tre fuori casa contro squadre di bassa classifica. In teoria dovrebbero fare gli stessi punti nella caccia al terzo posto. E allora, proviamo a mandar giù lo sbandieratore di Siena, il palo incredibile di Palladino, e pensiamo al fatto che abbiamo rosicchiato un punto al Milan. Cosa? Ha perso contro la Samp? Sì, non siamo dispiaciuti della vittoria dei ciclisti, ben sapendo che loro non riescono a godere a fondo perché consci di averci fatto un favore... Capito cosa ci regala il Genoa quest’anno?