I grandi concerti in piazza

Nella lunga e celebrata carriera del tenore spiccano alcuni mega concerti in piazza che
hanno segnato una grande trionfo personale del maestro e avuto una grande eco mediatica,
complici l’ambientazione, la diretta tv, o la compresenza di altre stelle del firmamento
musicale

Nella lunga e celebrata carriera di Luciano Pavarotti spiccano alcuni concerti che hanno segnato una grande trionfo personale del maestro e avuto una grande eco mediatica, complici l’ambientazione, la diretta tv, o la compresenza di altre stelle del firmamento musicale. Eccone alcuni:

Pechino, 4 lug 1986 Di fronte a ottomila spettatori, che gli regalano ovazioni senza precedenti per un artista straniero in sale da concerto e teatri cinesi, Pavarotti chiude la tourneè in Cina con un trionfale concerto d’addio nella grande sala dell’assemblea del popolo, il "tempio sacro" della politica cinese.

L'esordio dei "Tre tenori", 7 lug 1990 Pavarotti, Placido Domingo e Jos‚ Carreras, i "tre tenori" più grandi in attività, tengono un concerto alle Terme di Caracalla in occasione della finale del campionato del mondo di calcio. Lo dirige Zubin Mehta, alla testa di un ensemble di 180 elementi provenienti dalle orchestre del "Maggio Fiorentino" e del Teatro dell’Opera di Roma. Il disco del concerto avrà un successo mondiale.

Hyde Park, 30 lug 1991 Pavarotti tiene un concerto all’Hyde Park di Londra davanti a circa 200 mila persone, per celebrare i 30 anni di carriera. Lo spettacolo ha un allestimento scenografico particolare e viene seguito in mondovisione da circa 500 milioni di spettatori. Il tenore è accompagnato dall’Orchestra filarmonica di Londra.

Central Park, 26 giu 1993 Il concerto al Central Park di New York, davanti ad oltre 250 mila persone, alterna arie come "Quando le sere al placido" dalla "Luisa Miller" di Verdi a canzoni come "La mia canzone al vento" di Bixio e a classici come "Nessun dorma". Il tenore è accompagnato dalla New York Philarmonic Orchestra.

I Tre Tenori ai Mondiali di calcio, 15 lug 1994 Pavarotti, Placido Domingo e Jose Carreras si ritrovano insieme a Los Angeles, come quattro anni prima a Roma, e di nuovo in occasione dei campionati mondiali di calcio. Al Dodger Stadium, i tre cantano romanze, canzoni napoletane, omaggi a Frank Sinatra e Gene Kelly. Il concerto, diretto da Zubin Metha, è applauditissimo dai 56.000 spettatori presenti.

Di nuovo i Tre Tenori, 17 giu 1997 Pavarotti, che aveva promesso di "voler fare qualcosa" per il teatro "La Fenice" di Venezia, distrutto dall’incendio del 29 gennaio 1996, mantiene l’impegno esibendosi di nuovo insieme a Carreras e Domingo in un mega-concerto allo stadio "Braglia" di Modena al quale assistono 22 mila spettatori, più diversi milioni di telespettatori in diretta su Rai Uno.

L’addio al Met di New York, marzo 2004 Pavarotti canta la ’Toscà tra grandi applausi al Metropolitan di New York in tre concerti di addio al tempio della lirica americana nel quale debuttò nel 1969. "Tosca" è sempre stato un cavallo di battaglia di Pavarotti a New York: impersonò Mario Cavaradossi 60 volte, più di ogni altro ruolo da lui interpretato al "Met".

Tokyo, 6 apr 2004 Quattromila persone in piedi in una lunga ovazione salutano la trionfale conclusione della tournee di addio in Giappone di Pavarotti. Molti dei fans che riempiono la più grande hall del modernissimo "Tokyo International Forum" hanno le lacrime agli occhi dopo tre ore di esibizione del tenore in tandem con la giovanissima e acclamata soprano Annalisa Raspagliosi.