I laburisti perdono un seggio storico: Brown rischia grosso

Londra. Dopo undici anni di predominio laburista il cuore della Gran Bretagna batte di nuovo a destra e un’ulteriore conferma è venuta dall’elezione suppletiva di giovedì a Crewe: i conservatori hanno vinto alla grande in quella circoscrizione del nord dell’Inghilterra considerata per decenni un imprendibile feudo della sinistra. Per l’impopolare e traballante primo ministro Gordon Brown si mette sempre peggio. Le cifre parlano chiaro: in quella zona a maggioranza operaia, dove negli ultimi tre decenni il Labour ha vinto a man bassa con uno scarto di almeno settemila voti sui Tory, la musica è completamente cambiata. Il candidato conservatore Edward Timpson - un ricco avvocato con le maniere di un aristocratico - si è aggiudicato ieri il seggio di deputato con 20.539 voti mentre la laburista Tamsin Dunwoody ne ha avuti appena 12.679. Dentro l’ammaccato Labour un numero crescente di Vip è ormai convinto che il problema non è tanto la recessione alle porte ma Brown e la sua incapacità di elaborare chiare ed efficaci strategie di intervento per i problemi più pressanti. Da qui nuove voci e congetture su una possibile defenestrazione del primo ministro tra qualche mese.