I «Lignano» a Umberto Veronesi e Folco Quilici

L’oncologo Umberto Veronesi e il documentarista Folco Quilici sono rispettivamente i vincitori del premio «Lignano Europa» e del premio «Lignano, Città di Lignano», due riconoscimenti speciali del «Premio Ernest Hemingway», consegnato oggi a Lignano. Per le altre sezioni saranno premiati: Mario Calabresi (narrativa), Pierluigi Battista (saggistica), Giuseppe Sottile (giornalismo - carta stampata) e Licia Colò (televisione). Calabresi è stato decretato vincitore per il toccante libro Spingendo la notte più in là (Mondadori), mentre Pierluigi Battista è stato premiato per il saggio Cancellare le tracce. Il caso Grass e il silenzio degli intellettuali italiani dopo il fascismo (Rizzoli). Quest’anno, in virtù di modifiche al regolamento, attenzione particolare è stata dedicata agli under 40: il premio per la narrativa è stato, infatti, destinato esclusivamente ad autori non ancora quarantenni e anche all’interno della sezione giornalismo si è previsto che uno dei due riconoscimenti vada a un giornalista che non abbia superato questa soglia d’età.