I linguaggi della maturità dell’arte africana del ’900

L’Africa che si rinnova non è un’utopia e la sua vitalità si riscontra nelle opere dei suoi artisti. Se da un lato il continente nero tenta ancora di recuperare la propria identità, dall’altro è già inserito nel panorama internazionale della globalizzazione. È in corso fino al 30 novembre presso la galleria Corsoveneziaotto la mostra «The Soul of a Man» sull’arte africana contemporanea, a cura di Luca Beatrice, con le opere di artisti che rappresentano le tendenze più significative a partire dal secondo Novecento. Rispetto alle forme espressive dei decenni scorsi, all’affermazione e alla celebrazione esasperata delle proprie origini che seguirono la decolonizzazione, oggi l’arte africana ha superato la fase di negazione tipica degli anni ’70 e ’80 che si esplicava nel motto «Non siamo africani, siamo artisti». Un presente di creatività matura e consapevole. Info: Corso Venezia, 8 20121 Milano Tel. 02 36505481/2. Orari: da martedì a sabato, 10- 13; 15.30 -19.30.