I maestrini dalla penna storta

Ieri è stata una straordinaria giornata di lezioni di giornalismo alla rovescia. Colleghi e politici si sono esibiti in dissertazioni per spiegare quand’è che una notizia non si deve pubblicare. Il fatto da tacere era quello riguardante il tentativo di ricatto ai danni di Silvio Sircana, portavoce del governo Prodi. Riassumo la puntata precedente: nei mesi scorsi un fotografo seguì Sircana, scattò foto di lui con una signora e poi dell’auto del parlamentare dell’Ulivo ferma di fronte a un transessuale. I clic non parevano destinati alla pubblicazione, ma a gettare «le basi di un grande futuro» per Fabrizio Corona e la sua banda di paparazzi. Un ricatto, insomma. Questa quantomeno è la convinzione dei magistrati. Invece di allarmarsi per questa simpatica attività, giornalisti e deputati se la prendono col Giornale.
Il più esilarante è il sostituto portavoce dell’Ulivo, Gad Lerner, secondo il quale sarei un ipocrita e il mio atteggiamento vomitevole. Premesso che a rivoltare il mio già fragile stomaco sono gli insegnamenti di un ex direttore che si distinse, quand’era al Tg1, per aver mandato in onda immagini pedofile, qui gli ipocriti sono il maestrino dalla penna rossa e i colleghi che s’indignano. Non ultimo Enrico Mentana, che ieri sera mi ha processato (e condannato) in tv senza invitarmi a dire la mia: bell’esempio di giornalismo.
Detto questo, le intercettazioni telefoniche del fotografo che aveva immortalato Sircana non le avevamo solo noi del Giornale: erano anche nelle mani di molti altri cronisti. Lo stesso portavoce del governo, mentre stava al telefono col nostro Vittorio Macioce, ha ricevuto la chiamata di un giornalista che lo informava del dossier contro di lui. Ricapitoliamo dunque: nelle redazioni si sapeva di Sircana, il sottoscala della politica sapeva o avrebbe saputo presto, gli unici che non dovevano sapere erano i lettori. Il tentativo di ricatto andava tenuto nascosto agli italiani, per lasciare che gli «amici» di Sircana – uomo pubblico, uomo dentro le stanze del potere – si divertissero a darsi di gomito? O peggio?
E poi, cari professori di giornalismo alla rovescia, perché le vicende che sfiorano un politico – ancorché vittima – devono essere taciute e quelle di altre vittime – starlette, calciatori, imprenditori o fanciulle di belle speranze – date in pasto all’opinione pubblica? Se si appartiene alla corporazione dei politici, possibilmente di sinistra, si ha diritto alla privacy mentre se si è una persona comune si ha diritto solo allo sputtanamento?
Dico da anni che sono contrario all’uso indiscriminato delle intercettazioni. Che la barbarie vera è la trascrizione nei fascicoli processuali di chiacchiere che non hanno alcuna attinenza col procedimento giudiziario. Auspico da tempo una legge che impedisca questo uso da parte dei magistrati. Questa legge il centrosinistra l’ha fatta abortire e ora si lagna. Piangano pure, ma se la prendano con loro stessi, coi loro compagni giustizialisti, coi loro pennini sempre intinti nel rosso. E lascino in pace noi, che abbiamo da lavorare.
P.S. Un’ultima domanda ai giornalisti alla rovescia, quelli sempre pronti a citare l’indipendenza anglosassone, e che ieri mi hanno chiesto perché abbiamo pubblicato il nome di Sircana. Domandatevi semmai se in Gran Bretagna o in America la storia di un tentativo di ricatto ai danni di un politico sarebbe stata nascosta. Interrogatevi se i vostri colleghi stranieri che prendete a esempio avrebbero chiesto a me perché ho pubblicato il nome di Sircana o a lui perché stava lì. Quando avrete trovato la risposta giusta, forse avrete fatto un passo avanti.