I manifestanti non hanno risposto alle provocazioni dei no global. Soddisfatti i promotori: «Mai tante persone erano scese in piazza per difendere la Chiesa» La fiaccolata scotta la Genova anticlericale Gli organizzatori del corteo a sostegno del vescov

«Una cosa mai vista a Genova. Irripetibile». Non riescono a contenere l’entusiasmo gli organizzatori della fiaccolata di sostegno all’arcivescovo Angelo Bagnasco, minacciato dopo le critiche ai Dico. Più di mille persone hanno sfilato l’altra sera per la vie del centro, senza rispondere alle provocazioni (scritte, insulti, striscioni) dei centri sociali. «Una mobilitazione del genere, in centro, non l’ho vista nemmeno negli anni ’70 ai cortei del Pci - racconta Peppino Orlando, uno degli animatori della fiaccolata-. Eravamo in 3-4mila. Avevamo preparato 480 fiaccole e candele, alla fine nel corteo si vedeva una fiammella ogni 8-10 persone. Il conto è presto fatto».
Gli organizzatori si tolgono qualche sasso dalla scarpa. «La fiaccolata, nata da un’idea di Miriam Pastorino, è stata promossa da tre associazioni culturali, (...)