I manifesti contestati anche a Bologna e Roma

Sono 400 i cartelloni affissi a Milano, Bologna e Roma, le tre principali piazze commerciali dell’azienda emiliana che vende i prodotti insetticidi pubblicizzati nella campagna, iniziata una settimana fa.
Un investimento pubblicitario notevole, ma che secondo i responsabili rientra nella ordinaria strategia dell’azienda. La direzione aziendale ha scartato un messaggio di questo tipo: «No ai clandestini, ferma l’invasione». «Ci siamo posti il problema, e abbiamo scelto l’altro perché fuga ogni dubbio», dicono gli ideatori della campagna pubblicitaria, fatta in casa.