I maratoneti del Natale invadono il centro: tutto esaurito nei negozi

Prima domenica di shopping: solo in Rinascente 50mila persone I commercianti: «Trend positivo, ma la gente aspetta la tredicesima»

Un fiume in piena, fatto di volti sorridenti, pacchi colorati, migliaia di atleti in pettorina e scarpe da jogging. Appariva così, ieri, il centro della città. Preso d’assalto dagli irriducibili dello shopping e dai 5.726 partecipanti alla Milano City Marathon accompagnati dai loro sostenitori. Traffico in tilt, strade congestionate, zone transennate e negozi stracolmi di gente.
La prima domenica dedicata agli acquisti di Natale ha accontentato tutti: gli appassionati dello shopping e gli sportivi. Che, dopo aver applaudito i keniani Evance Kiprop Cheruiyot e Pamela Chepchumba - sul primo gradino del podio allestito all’Arco della pace, rispettivamente nella categoria uomini e donne -, si sono riversati in piazza Duomo per acclamare Kakà e il Pallone d’oro appena conquistato a Parigi. Il calciatore del Milan si è affacciato, in smoking, dal terzo piano del palazzo antistante il Duomo e, acclamato da una gran folla di tifosi rossoneri, ha esibito il prestigioso trofeo.
Sin dalle prime ore della mattina nelle vie del centro si sono riversate migliaia di persone. Per la soddisfazione dei commercianti. «L’affluenza è stata decisamente buona - commenta Sonia Burgazzi, direttrice della Rinascente -. Fin dall’apertura abbiamo avuto un flusso costante di ingressi. Saranno entrate dalle 40 alle 50mila persone». Con il risultato che salire ai piani superiori con la scala mobile era molto difficile, così come trovare un posto nei ristoranti del settimo piano. «Io non sono neanche riuscita a raggiungere il mio ufficio - continua la direttrice -. Ha avuto particolarmente successo l’incontro dei bimbi con Babbo Natale. Tutti volevano farsi fotografare con lui. Chi non ci è riuscito potrà ritentare i prossimi fine settimana».
Scene simili si sono ripetute negli altri poli dello shopping. «Siamo molto soddisfatti - commentano i responsabili del Decathlon di Foro Buonaparte -. Sono entrati tantissimi clienti, non ci possiamo proprio lamentare». E non si possono lamentare neanche i 2.628 espositori presenti nei dieci padiglioni di Fieramilanocity dedicati alla campionaria dell’artigianato. Secondo gli organizzatori, anche ieri sono stati decine di migliaia i visitatori della fiera. Un fiume costante di gente si è spostato da uno stand all’altro, per acquistare prodotti gastronomici, oggetti etnici, borse, candele, campanelle e saponi. Comune denominatore, con le vie del centro, la confusione alle uscite della metropolitana e le code a bancomat e punti di ristoro.
«È stata sicuramente una giornata positiva - afferma soddisfatta l’assessore comunale alle Attività produttive, Tiziana Maiolo -. In centro si è riversata veramente tanta gente. Sicuramente, però, molti consumatori in questi primi giorni di dicembre si limitano a curiosare fra le vetrine rimandando gli acquisti natalizi alle settimane successive». Soddisfatti anche i responsabili dell’Unione del commercio: il trend, per il momento, è abbastanza positivo. Un dato rassicurante, se si considera il periodo di recessione vissuto dal Paese. «Il sabato è andato molto bene - conferma il delegato per il Territorio, Giorgio Montingelli -. Anche i dati relativi alla domenica sono buoni. In percentuale, rispetto allo scorso anno, è andato meglio il sabato. Certamente in questi primi giorni di dicembre la gente guarda, in attesa della tredicesima».