«I mendicanti assassini erano i padroni della zona»

Dopo il pestaggio mortale di Stramucci a Monteverde ricordano mesi di paura C’erano già stati furti e minacce ma gli autori erano sempre rimessi in libertà

Erano i padroni del quartiere, una minaccia costante per negozianti e residenti. Appartenevano a una banda improvvisata, ma non per questo meno temibile. A due giorni dall’omicidio di Giampiero Stramucci, l’automobilista ucciso a un semaforo di Monteverde per un’elemosina di 50 centesimi, emergono dettagli preoccupanti legati ai suoi assassini e al gruppo di sbandati di cui facevano parte. In piazzale Enrico Dunant, teatro del tragico episodio, in molti infatti già si aspettavano il peggio. «Erano in cinque - spiega Paola, 49 anni - passavano tutto il giorno seduti sulle panchine dei giardinetti, dando fastidio ai passanti o trascinandosi nei negozi». Chiedevano denaro, ma lo facevano con insistenza e non si accontentavano di qualche moneta. A volte erano loro stessi a indicare la cifra. «Come non notarli? - si chiede un anziano signore - erano aggressivi fino all’estremo. Ho due nipotini e spesso ho preferito non portarli a fare una passeggiata per evitare problemi».
Inutile fare appello alle forze dell’ordine. Nel recente passato ci sono stati episodi di risse, minacce e furti: ogni volta, individuati i colpevoli, questi venivano trattenuti due giorni e subito rimessi in libertà. «Qualche sera fa - racconta Francesco, proprietario di un negozio di bomboniere - la commessa di una profumeria qui vicino aveva appoggiato la sua borsetta a terra per abbassare la saracinesca e subito gliel’hanno rubata». Sono proprio loro, i negozianti, le vittime predilette dei tossici. Tutti i giorni, anche più di una volta, si presentano per battere cassa. «Vogliono soprattutto siringhe - commenta Rossana della farmacia Monteverde - entrano armati di forbici e di spranghe. All’ora di chiusura battono sulle porte e ci aspettano al varco». Molti esercenti hanno così adottato misure drastiche, chiudendosi a chiave e selezionando i clienti all’ingresso.
E la situazione, già pesante durante il giorno, si aggrava notevolmente di notte, quando l’alcol e le droghe hanno già fatto ampiamente effetto. Ogni angolo buio diventa un pericolo per chi non trova parcheggio sotto casa, mentre diversi portoni si trasformano in bagni a cielo aperto. «Comandano loro - grida David, 83 anni, che abita al civico 50 - si ubriacano e fanno i loro bisogni davanti casa mia. Più volte durante la settimana devo disinfettare tutto con la varechina. La prossima volta esco fuori con l’accetta».
I residenti, inoltre, sono d’accordo nell’attribuire la responsabilità dell’accaduto all’amministrazione comunale, che non provvede a vigilare sulla zona nonostante le numerose lamentele e i precedenti. «Serviva il morto perché ci prendessero sul serio - afferma Alessandro, architetto -. Dov’è chi ci dovrebbe proteggere? Come vengono spesi i nostri soldi? Erano e sono una banda di sieropositivi, di tossici: forse è più comodo tenerli in giro. Hanno molti precedenti penali e condanne di primo grado alle spalle. Non basta per capire che sono dei criminali e non dei mendicanti?».