I metalli di base tornano a correre

La settimana registra la nuova impennata dei metalli. Tra quelli di base, i prezzi a tre mesi del nichel hanno segnato il nuovo picco storico a 51mila dollari per tonnellata. Stessa musica per il piombo volato a 2.120 dollari. In rialzo anche il rame oltre 8.300 dollari. La spinta è assicurata dai timori di una contrazione generalizzata dell’offerta. Tra i metalli preziosi, l'oro ha segnato il fixing a 688,80 dollari l'oncia, a ridosso dei massimi mensili. La rimonta è stata favorita dai dati sul mercato Usa del lavoro. Al momento, appare scongiurato un aumento del costo del denaro.