I milanesi? Frenetici e sempre in ritardo

Secondo una ricerca della camera di commercio in media i milanesi sono in ritardo nelle loro attività 1 volta su 8, per un totale di oltre 20 minuti al giorno. Si perde il 30% di tempo nel traffico (17,3% nel tragitto per il lavoro, l'8,7% per tornare a casa, il 3,5% per portare e per andare a prendere i bambini a scuola)

Milano, una città che vive di corsa ma che accumula ritardi. La portata della mancata puntualità è enorme se si pensa che ogni giorno si perdono circa 300mila ore in attesa. Diversi i motivi e i momenti della giornata che fanno sprecare più tempo, con differenze anche tra uomini e donne, tra city users e residenti, tra utenti dei mezzi pubblici e non, genitori e single. In media i milanesi sono in ritardo nelle loro attività 1 volta su 8, per un totale di oltre 20 minuti al giorno, che in un anno in un anno fanno 126 ore pari a quasi 1 settimana (5,2 giorni) che invece di essere passata al mare, in montagna o in famiglia, è «bruciata».
Ma dove si accumulano maggiormente i ritardi? A fare la parte del leone il traffico che si mangia il 30% del nostro tempo: 17,3% nel tragitto per raggiungere il lavoro, l'8,7% per tornare a casa, il 3,5% per portare e per andare a prendere i bambini a scuola. Ma si comincia dalle prime ore del mattino con un dispendio del 21% tra la fatica di alzarsi dal letto (8,2%) e i preparativi mattutini (12,7%). Non è quindi un caso che sono soprattutto le donne ad accumulare ritardi la mattina che poi si trascinano per tutta la giornata: 26,7% (10,4% per il risveglio, 16,3% per i preparativi) rispetto al 14,5% degli uomini (6,1% per il risveglio, 8,4% per i preparativi).
E così la filosofia milanese dell'andare di corsa non piace a tutti: per circa un quarto dei milanesi questa è una abitudine da cambiare (per il 9% è una situazione che crea ansia, per l'8,7% è un ritmo troppo veloce che non lascia pensare, per il 5,3% è un atteggiamento non condivisibile), anche se non manca chi la considera come un segno di vitalità (4,1%) e uno stimolo che piace (3%). Ma alla fin fine, diventa una abitudine con cui si convive ogni giorno (per quasi il 38% dei milanesi)
I ritardi si fanno sentire anche sugli appuntamenti di lavoro e non solo: in media un milanese ha quasi 3 appuntamenti al giorno, e su questi il 44% è in ritardo (il 50% se consideriamo le donne rispetto al 43% degli uomini). Il risultato? Un milanese su 5 perde almeno un appuntamento al mese per via dei ritardi accumulati. Ritardi che hanno anche un costo economico: per circa una impresa su due si ha una vera e propria perdita che pesa per il 3% del fatturato dell'area milanese.