I milanesi si mobilitano: vota il 71,3%

Oltre sette su dieci. Tanti sono i milanesi che già ieri sono corsi alle urne per decidere chi guiderà il prossimo governo: il 71,57 per cento degli «over 25» aventi diritto al voto per il Senato e il 71,11% per la Camera. Più numerosi gli uomini delle donne, affluenza record in zona 3, ultima la zona 6. «Ottimista» il governatore Roberto Formigoni che ha votato ieri mattina in via Gattamelata, mentre la candidata sindaco della Cdl Letizia Moratti, alle urne in via della Spiga, sostiene che in ogni caso «il voto per le politiche non influenzerà quello delle comunali, sono due consultazioni di diverso significato».
Forza Italia, intanto, chiede l’intervento del prefetto perché a molti anziani ospiti nelle case di riposo della città sarebbe stato negato il diritto di voto: «Gli assistenti sociali - è la denuncia - sceglievano chi portare alle urne». A Cinisello, invece, seggi pieni di propaganda dell’Unione, rimossa solo dopo l’ennesimo intervento di Fi. E oggi i politici locali e i loro «supporter» si radunano nei rispettivi quartier generali, in attesa dei risultati: Fi in viale Monza, la Lega in via Bellerio, i Ds in via Fortezza.