Con i milioni e gli immobili dei Ds in Puglia nasce il Pd «ombra»

Domenica gli ultrà del Bologna lo avevano fischiato e contestato. Ieri il presidente del club ha lasciato ventilare la possibilità di candidarsi a sindaco contro di lui. Due motivi per cui Sergio Cofferati non può aver preso benissimo la promozione in serie A della squadra cittadina. Per lo Sceriffo di Palazzo d’Accursio, il successo calcistico dei rossoblù rischia infatti di trasformarsi in un boomerang politico. Tutta colpa di Fabio Garagnani, responsabile provinciale di Forza Italia, che ha lanciato la candidatura del presidente Alfredo Cazzola alle comunali 2009. Lui, gestore di fiere come il Motorshow, la Smau e il Lingotto, ha promesso di riflettere con attenzione sulla proposta, gettando nel panico il Pd locale: «Così si strumentalizza il calcio», l’accusa. Cazzola, dalla sua, tace. Da Forza Italia a Forza Bologna il passo è breve.