«Con i militari recuperiamo 250 poliziotti»

Lo chiamano «nuovo corso di strategia sindacale». Che spera di toccare «la sensibilità di un ministro degli Interni varesino e di un presidente del consiglio milanese» per offrire a Milano, durante l’Expo «almeno la stessa attenzione dedicata a Roma per il Giubileo».
I nuovi vertici provinciali del Siulp (Sindacato italiano unitario lavoratori polizia) guidati dal neo eletto segretario generale Gabriele Ghezzi si sono riuniti ieri in piazza Sant’Ambrogio per denunciare una situazione al collasso sia per uomini che per mezzi e strutture. Annunciando «un autunno caldo» fatto di volantinaggi, manifestazione e mobilitazione del personale «Non solo i 500 uomini previsti dal precedente governo non sono mai arrivati, ma ce ne hanno tolti altri 30». E i 300 militari che dovrebbero arrivare? «Farebbero recuperare almeno 250 uomini tra poliziotti e carabinieri, ma devono essere impiegati solo per la vigilanza di obiettivi fissi: sarebbe una carnevalata metterli insieme ai poliziotti, sia per immagine che dal punto di vista operativo: i militari sono diversi da noi sotto ogni punto di vista».