«I militari? Saranno utili soprattutto in periferia»

L’assessore Bordoni ringrazia sindaco e prefetto per gli uomini dislocati sul Litorale

«Il centro storico di Roma è abbondantemente presidiato dalle forze dell’ordine quindi la presenza dei militari è superflua». Lo ha detto l’ex questore di Roma, Marcello Fulvi, neo prefetto di Sassari, lasciando il Campidoglio dove ieri ha salutato il sindaco Gianni Alemanno. Fulvi, interrogato dai giornalisti sulla possibilità che le forze dell’Esercito possano essere schierate anche nel centro storico di Roma, ha spiegato che «se ci si sposta in periferia la situazione è diversa ed è lì che i militari possono aiutare le forze dell’ordine per tutelare i cittadini». Il neo prefetto, che ha partecipato ai lavori per la nascita del nuovo Patto per Roma sicura, ha sottolineato che, per quanto riguarda la distribuzione delle forze sul territorio, «bisogna tenere presente l’indicazione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza in cui si riuniscono i rappresentanti del governo locale che conoscono la mappatura delle forze dell’ordine dislocate e i luoghi più sensibili della città».
Anche Fabrizio Santori (Pdl), presidente della commissione Sicurezza del Comune, è sulla stessa linea: «I gravi fatti che sono avvenuti nel corso degli ultimi anni hanno creato una situazione di insicurezza che ha coinvolto principalmente le periferie della capitale. Per questo motivo mi vedo in accordo con le dichiarazioni dell’ex questore di Roma, Marcello Fulvi. Appare evidente che l’impiego dei militari nel centro storico non sia solo un’operazione di poca efficacia, ma sarebbe anche un segnale negativo nei confronti dei turisti, che avrebbero l’impressione di essere in una città militarizzata». «Tuttavia - ha aggiunto Santori - bisogna ricordare che non è solo necessario l’impiego dei militari in periferia ma anche di tutti quegli agenti delle forze dell’ordine recuperati grazie al piantonamento effettuato dalle forze armate di fronte alle sedi istituzionali, così come deciso dal comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza. La tutela dei cittadini, infatti, è una priorità che vogliamo affrontare con decisione, soprattutto laddove serve una maggiore garanzia di sicurezza».
Sulla presenza dei militari è intervenuto anche l’assessore al Commercio e al Litorale Davide Bordoni: «Mi associo alla soddisfazione del presidente del municipio Vizzani per la scelta operata dal prefetto Mosca sulla dislocazione dei militari, che conferma l’attenzione per il Litorale, promossa dal sindaco Alemanno in tutte le sedi istituzionali». «Poter disporre di 50 uomini per il presidio 24 ore su 24 della pineta di Castelfusano - ha sottolineato Bordoni - aumenta la capacità di controllo e di prevenzione di eventi terribili come quello della scorsa settimana e aiuta anche nella tutela dell’intera area da altri fenomeni di degrado».