I moduli ufficiali

I lavoratori dipendenti, per esprimere la propria scelta su dove allocare il
Tfr, dovranno utilizzare i due moduli allegati
al decreto, Tfr 1 e Tfr 2. Non devono compilare alcun modulo i lavoratori che al 31/12/2006 abbiano già scelto di aderire a un fondo complementare

I lavoratori dipendenti, per esprimere la propria scelta su dove allocare il Tfr maturando, dovranno obbligatoriamente utilizzare i due moduli allegati al decreto, Tfr 1 e Tfr 2 (vedi sotto), che saranno consegnati loro dai datori di lavoro. Il lavoratore che intende conferire il proprio Tfr a un fondo pensione, dovrà prima aderire alla forma pensionistica complementare (attraverso firma del contratto con il fondo di categoria, la propria banca o compagnia di assicurazioni) e solo successivamente comunicare tale scelta al proprio datore di lavoro attraverso il modulo Tfr-1 o Tfr-2. Sono esclusi dalla compilazione dei moduli i lavoratori che alla data del 31 dicembre 2006 hanno già effettuato la scelta di aderire a una forma di previdenza complementare e alla quale versano integralmente il Tfr.

Modulo Tfr-1 Il modulo Tfr-1 è destinato ai lavoratori dipendenti del settore privato, con un rapporto di lavoro in essere al 31 dicembre 2006, con scadenza per la scelta entro il 30 giungo 2007.

Modulo Tfr-2 Quello denominato Tfr-2 servirà invece per recepire entro sei mesi dalla data di assunzione la scelta dei lavoratori assunti dopo il 31 dicembre 2006, che non abbiano già espresso (durante un precedente rapporto di lavoro) in maniera tacita o esplicita la propria volontà in ordine al conferimento del Tfr.

Chi ha già scelto Rimane valida la scelta di chi avesse deciso di mantenere immutato l'attuale istituto del Tfr, prima dell'entrata in vigore del decreto. Al contrario, chi avesse già scelto di destinare il Tfr maturando a una forma previdenziale complementare, dovrà confermare tale decisione con compilazione del modulo Tfr-1 o Tfr-2 entro trenta giorni dalla predetta pubblicazione.