I monumenti dei nemici vinti si buttano giù

La parola maieutica significa letteralmente «l'arte della levatrice» e fu usata da Socrate per indicare quel metodo di ricerca della verità che consiste nel sollecitare il soggetto pensante a ritrovarla in se stesso e a trarla fuori dalla propria anima. Ma da certi scritti c'è ben poco da trarre fuori. Per questo è difficile commentare la confusa e pasticciata replica di Mario Lauro pubblicata il 3 gennaio a proposito del dibattito sul nome da assegnare al Teatro dell’Opera di Genova: certe cose, se non si capiscono da sé, è impossibile spiegarle. Ma qualcosa proverò a scrivere.
Innanzi tutto il Mil. Il lettore interessato a conoscere maggiormente il Mil (del quale sono il segretario e non il presidente che è Vincenzo Matteucci) è invitato a consultare il sito ufficiale www.mil2002.org dove troverà tutte le informazioni che gli interessano.
Veniamo alla storia. Il 4 luglio 1848 l'Assemblea nazionale del Veneto votò, contrario Daniele Manin, l'annessione al Regno di Sardegna. Il 21 ottobre 1866 il Veneto votò il plebiscito di annessione al Regno d'Italia. E proprio nel Veneto vi sono vari movimenti che, giudicando una farsa la celebrazione dei plebisciti, vorrebbero riottenere l'indipendenza della loro terra. Circa la Liguria, essa fu annessa all'impero napoleonico nel 1805 e non nel 1806. Quanto poi al generale Bentinck, egli non «occupò» la Liguria, ma la liberò (come fecero le truppe alleate con l'Italia nel 1945) dalle truppe d'occupazione francesi e le restituì la sovranità con il famoso Proclama del 26 aprile 1814 nel quale il Generale dichiara «art. 1 - che la costituzione quale esisteva nell'anno 1797, con quelle modificazioni che il voto generale, il pubblico bene e lo spirito dell'originale Costituzione del 1576 sembrano richiedere, è ristabilita». Nel contempo nominò un Governo Provvisorio che rappresentò la Nazione Ligure, sovrana e indipendente, al Congresso di Vienna dove le Potenze Europee conculcarono le decisioni del generale Bentinck stabilendo illegittimamente e d'imperio l'annessione della Liguria al Regno di Sardegna.
Quanto poi al fatto che i monumenti debbano fare riferimento ai personaggi del tempo, non risulta che, per esempio, le varie statue di Mussolini siano rimaste dove furono erette in onore del «personaggio del tempo»! Gli Italiani, stabilito che Mussolini era un dittatore, hanno rimosso tutto ciò che gli faceva onore. Ora non v'è dubbio alcuno che i Savoia siano sempre stati i nemici storici di Genova e della Liguria, terre che hanno sempre cercato di conquistare con congiure o guerre, arrivando addirittura ad autorizzare il feroce Sacco di Genova del 1849. Non si comprende perché oggi, che finalmente ci siamo liberati dei Savoia, non possiamo anche rimuovere tutto quello che ancora li onora come l'intitolazione a Carlo Felice del Teatro Lirico o la statua di Vittorio Emanuele II in piazza Corvetto.
Per il resto spero che Mario Lauro voglia lasciar riposare Collodi e gli antichi greci; eviti di parlare di cosa rincorre il Mil (visto che egli stesso afferma di ignorarlo) e si legga qualche buon libro sul folclore per imparare che nelle tradizioni popolari sta il sale della vita.
* segretario Movimento
Indipendentista Ligure